Archivio per Categoria Servizi

Ispezione visiva e video ispezione

Ispezione visiva e video ispezione

Ispezione visiva e qualità dell’aria

Una buona qualità dell’aria nei luoghi di lavoro chiusi è importante per la salute dei lavoratori e ha anche implicazioni di carattere sia sociale che economico.

A ricordarci l’importanza della qualità dell’aria è un documento della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro approvato il 28 novembre 2012 e sancito in data 7 febbraio 2013 dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano con l’accordo recante “Procedura operativa per la valutazione e gestione dei rischi correlati all’igiene degli impianti di trattamento aria”.

Il documento ricorda che per la “persistenza nel tempo della corretta funzionalità degli impianti e per il mantenimento dei requisiti igienici è necessario effettuare periodici interventi di pulizia e manutenzione che devono prevedere una ispezione visiva e se necessaria una tecnica”.

A cosa serve l’ispezione visiva tramite video ispezione

L’ispezione visiva permette di accertare lo stato dei vari componenti dell’impianto nell’ambito di interventi manutentivi programmati e consiste nel valutare lo stato igienico di alcuni punti critici dell’impianto e la loro funzionalità.
La frequenza delle ispezioni visive consigliata è annuale, o comunque stabilita in base ai risultati delle precedenti ispezioni e della valutazione dei rischi”.
Controlli più frequenti potrebbero essere dettati ad esempio da variazioni delle condizioni ambientali o di lavoro, dall’usura o dalla presenza di fonti di inquinamento a carattere temporaneo. Si raccomanda una periodicità semestrale “per edifici con sistemi di umidificazione supplementare (umidificazione adiabatica) o situati in aree con clima a umidità elevata causa del potenziale aumento di crescita microbica”.

Cosa verificare nell’ispezione visiva

Questi i principali componenti dell’impianto di trattamento aria da ispezionare:

  • Unità di trattamento dell’aria (UTA): serrande di presa dell’aria esterna (valutare la presenza di sporcizia, detriti, resti di origine vegetale e animale); filtri; vasca di recupero dell’acqua di condensa (accertarsi che sia pulita, senza detriti, calcare, sedimenti o evidenti tracce di biofilm); sifone di drenaggio (valutare la presenza di incrostazioni, sporcizia o qualsiasi altra possibile causa di intasamento); pareti (valutare la presenza di sporcizia, ruggine o evidente proliferazione di muffe); batterie di scambio termico (valutare lo stato di conservazione e la presenza di sporcizia, contaminazione microbiologica, incrostazioni o rotture); umidificatori (valutare la presenza di eventuali depositi di calcare o di incrostazioni sulle parti a contatto con l’acqua e il deposito di acqua nella camera di umidificazione);
  • Terminali di mandata dell’aria: valutare le condizioni igieniche, la presenza di sporcizia, di residui fibrosi, di accumuli di polvere, di tracce di sporco sulle pareti immediatamente circostanti;
  • Condotte dell’aria: valutare la presenza o meno di polvere, detriti, incrostazioni e evidenti tracce di crescita microbica (muffe) in una parte rappresentativa dei componenti in mandata e in ripresa (condotte rigide, condotte flessibili, rivestimenti termoacustici, serrande ecc);
  • Torri di raffreddamento: valutare la presenza o meno di incrostazioni, materiale sedimentato e biofilm microbico nel bacino della torre di raffreddamento”.

Ispezione tecnica degli impianti aeraulici

Ispezione tecnica degli impianti aeraulici

L’ispezione tecnica: a cosa serve

Per evitare la contaminazione microbiologica e chimica dell’aria e garantirne un buon livello qualitativo sono disponibili procedure per la valutazione e gestione dei rischi correlati all’igiene degli impianti di trattamento aria. L’ispezione tecnica, il monitoraggio e le leggi regionali.

L’ispezione tecnica prevede campionamenti e/o controlli tecnici sui componenti dell’impianto al fine di valutarne l’efficienza, lo stato di conservazione e le condizioni igieniche. Essa permette di diagnosticare le criticità manifestate dall’impianto, le misure da intraprendere e la tempistica con la quale intervenire.

La procedura riporta specifiche indicazioni operative relative ad alcuni componenti dell’impianto da ispezionare: unità di trattamento dell’aria (UTA), terminali di mandata, condotte dell’aria, torri di raffreddamento; al termine dell’ispezione i risultati devono essere riportati in un rapporto scritto con allegato un rapporto di prova dell’ispezione tecnica (da allegare al registro degli interventi di manutenzione).

Cosa monitora l’ispezione tecnica

Riportiamo, a titolo esemplificativo, cosa la procedura operativa prevede per le unità di trattamento dell’aria (UTA):
– misura della differenza di pressione dell’aria a monte e a valle dei corpi filtranti, al fine di escludere intasamenti dovuti all’accumulo di polvere;
– misura della differenza di portata a monte e a valle delle batterie di scambio termico, al fine di valutarne il corretto stato di manutenzione;
monitoraggio microbiologico dell’acqua circolante nella sezione di umidificazione adiabatica al fine di valutare l’entità della contaminazione microbica.

Per le sezioni di umidificazione adiabatiche con ricircolo potrebbe essere necessaria una frequenza almeno semestrale, per quelle senza ricircolo almeno annuale. I controlli sull’acqua delle sezioni di umidificazione a vapore possono invece essere non necessari poiché la temperatura del vapore, utilizzato nel processo di umidificazione, garantisce l’eliminazione dei microrganismi potenzialmente presenti.

Un tecnico della DRG AIR CLEAN incaricato della manutenzione, valutati i requisiti igienici dell’impianto, indicherà i necessari interventi manutentivi, di pulizia o sanificazione, o gli ulteriori controlli, verifiche e accertamenti da compiere nell’immediato o come prossimo intervento programmato.

Pulizia e sanificazione impianti di condizionamento

Pulizia e sanificazione impianti di condizionamento

Negli ultimi anni si assiste ad un forte aumento di patologie respiratorie, riconducibili alla cattiva gestione e mancata manutenzione degli impianti di condizionamento (HVAC) negli edifici.
L’aria viziata di uffici, ospedali, alberghi, case di cura, piscine e di molti altri ambienti può essere causata da un insufficiente ricambio d’aria e questo, unitamente alla presenza di apparecchiature in uso quali computer, fotocopiatrici , apparecchi medici, può essere a sua volta causa di emicrania, nausea, arrossamenti oculari, epistassi, stanchezza.
Il ricambio e la sanificazione dell’aria negli impianti di condizionamento stanno dunque alla base di una corretta prevenzione di malesseri ed irritazioni.

La DRG AIR CLEAN esegue la pulizia e la sanificazione dell’intero sistema di condizionamento, qualora l’ispezione tecnica ne abbia decretata la necessità, sono operazioni delicate da affidare ad esperti del settore, da svolgere seguendo procedure severe e condivise riconosciute da uno standard internazionali.

Pulizia e sanificazione UTA

Pulizia e sanificazione UTA

La pulizia e sanificazione UTA fa parte della manutenzione e della bonifica degli impianti aeraulici e di condizionamento ed è un’attività necessaria per consentire una maggiore igienizzazione dell’aria e di conseguenza per per garantire una salubrità all’interno dei locali, evitando quindi il formarsi di agglomerati batterici che possono far insorgere malattie al sistema respiratorio.

Le UTA (Unità di trattamento aria) sono apparecchiature per il trattamento dell’aria all’interno di piccoli ambienti.
Solitamente l’UTA è formata da un accumulatore di scambio termico ad acqua refrigerata e acqua calda, sia per il raffreddamento che per il riscaldamento, da un filtro dell’aria e da un ventilatore di aspirazione/mandata a bassa prevalenza.

In quanto parte integrante di un sistema di trattamento aria, risulta pertanto fondamentale, nell’ottica della prevenzione, programmare ed eseguire una periodica manutenzione delle UTA. insieme a quella di tutte le altre componenti del sistema.

 

Nel caso delle UTA in particolare, durante la bonifica e la sanificazione si provvede sia alla asportazione delle polveri e delle incrostazioni presenti sulle pareti e sul pacco lamellare sia alla aspirazione dei liquidi e dei residui presenti sul fondo della vasca di raccolta dell’acqua di condensa.

Nel caso in cui il fondo o le pareti di questo componente appaiano danneggiate dalla ruggine si effettua anche una operazione di risanamento attraverso specifici prodotti curativi e preventivi (fissativi e smalti bicomponenti).

Pulizia e sanificazione canali aria

Pulizia e sanificazione canali aria

La DRG AIR CLEAN si occupa della pulizia, bonifica ed igienizzazione dei canali d’aria di qualsiasi lunghezza e dimensione, in modo che l’aria circolante negli ambienti sia sana e pulita.

All’interno degli impianti di condizionamento si deposita infatti particolato polveroso ed è quindi necessario eseguire trattamenti di pulizia e sanificazione delle condotte d’aria regolarmente.
La pulizia delle canalizzazioni consiste nel rimuovere, attraverso metodi opportuni, il particolato sedimentato all’interno delle condotte.
Effettuare la pulizia dei canali aria permette di abbattere la contaminazione di inquinanti batterici presente negli stessi e di sanificare quindi l’aria che circola negli ambienti.

Esistono diverse metodologie per effettuare la pulizia delle condotte aerauliche. La scelta della migliore soluzione viene effettuata sulla base di informazioni tecniche raccolte da personale specializzato durante il sopralluogo gratuito.

Incapsulamento canali aria coibentati internamente (Coating)

Incapsulamento canali aria coibentati internamente

Alcune condotte, sopra tutto in impianti installati qualche decennio fa, presentano al loro interno una coibentazione composta da una pannellatura in lana di roccia a volte rivestita con una tela protettiva; la superficie è quindi porosa e trattiene lo sporco al suo interno, inoltre con il passare del tempo la tela protettiva si deteriora a causa del passaggio dell’aria e si crea il rischio potenziale di rilascio di fibre negli ambienti.
Queste superfici non si possono pulire con la spazzolatura o l’aria compressa, si danneggerebbero irrimediabilmente. Una soluzione alternativa alla sostituzione dell’impianto di distribuzione può essere il coating.

La DRG AIR CLEAN effettua bonifiche di impianti aeraulici con la tecnica del coating , che consiste nell’incapsulamento della condotta con prodotto sanificante e con azione antimicotica e biocida della coibentazione interna ed in muratura per ripristinare e mantenere nel tempo le migliori condizioni igienico sanitarie dell’impianto.

Con l’incapsulamento infatti viene realizzata una superficie liscia che non favorisce l’annidamento di polveri e la possibile contaminazione microbiologica della stessa, esercitando inoltre una azione prolungata disinfettante delle superfici. La pellicola che si forma impedisce poi la diffusione delle fibre nell’aria.

Il prodotto per creare un coating (rivestimento) è una sostanza liquida densa e liquida in base acquosa, che viene nebulizzata ad alta pressione all’interno delle condotte mediante appositi accessori , quando l’acqua evapora ne risulta un film plastico molto resistente, il film ha caratteristiche anti fungine e antimuffa la sostanza di cui è composto non favorisce la crescita di muffe o contaminazioni batteriche.
Il coating riveste e ingloba le fibre, si può pensare ad una sostanza simile ad una vernice plastica inodore che quando si solidifica permette la totale pulibilità successiva della propria superficie.

Controlli microbiologici pre e post intervento

Controlli microbiologici pre e post intervento

I controlli microbiologici negli impianti aeraulici sono estremamente utili in quanto è ormai accertato scientificamente che, quando non correttamente sottoposti a manutenzione, gli impianti di trattamento aria possono costituire un rischio per la salute degli occupanti.
Alcune situazioni di rischio per il benessere e la salute dei lavoratori, riconducibili alla presenza di inquinanti di varia natura (fisica, chimica e biologica), possono essere controllate attraverso la corretta gestione degli impianti aeraulici. La loro regolare manutenzione e pulizia garantisce la buona qualità dell’aria immessa e aiuta a mantenere salubre l’ambiente di lavoro.

Il riscontro di agenti patogeni nel contesto di monitoraggi microbiologici ambientali comporta necessariamente la messa in atto di interventi di bonifica finalizzati al ripristino di condizioni igienico ambientali a tutela della salute degli occupanti.

La DRG AIR CLEAN è in grado di effettuare tali controlli microbiologici pre e post intervento al fine di valutare le azioni più idonee da effettuare per garantire il ripristino delle migliori condizioni igienico ambientali.

Chiama ora